E Anima, principio di autorganizzazione della materia vivente e non, sciogliendosi dal proprio inizio ,cercava attraverso le stelle, galassie, universi incontaminati, il senso del suo andare, il motivo del suo esistere poiché l'essere se stessa non le bastava per affermare il perché della vita, il valore di quell'immenso che le toccava, di quei granelli d'acqua pura che come luminose comete le scivolavano fra le dita: "L'Eterno è presente - pensava- eppure come un padre, non si pensa quando ama il crearsi della vita!"
Francesco Palmirotta
  • 03 mag 2013 /  News

    Ho visto la sua vita avanzare lentamente fino alla fine e senza il fine, sperdersi la sua identità nel nulla come cenere al vento!!!

    Una candida goccia scivolare sul viso tra le anse di tanti ricordi e segni di un destino non suo, voluto da altri senza nome…

    Ho visto la sua bontà rattrappita dal non amore…

    Ho visto il mare della speranza nei suoi occhi trasparenti d’un azzurro

    Rarefatto d’infinito

    “Aiutami” palpitava la sua anima reclinando la chioma sul mio petto

    “Aiutami ad amarmi per l’ultima volta…raccoglimi tra le palme della tua naturale saggezza…fammi volar via dove non possono più prendermi i pensieri gravitazionali!”

    Io…chi io?

    Mi son riconosciuto stella sul manto del dio e….ho svolto l’opera come si voleva

    Ma adesso torno alla mia terra,

    Perché io sono solo la mia terra!

    Posted by Francesco @ 11:51

Leave a Comment

Please note: Comment moderation is enabled and may delay your comment. There is no need to resubmit your comment.